Art. 20 statuto comunale- individuazione cittadino disponibile non consigliere comunale

Dettagli del documento

Il Sindaco di Monte Romano, in base all'art. 20 comma 2 dello Statuto Comunale, ha deciso di individuare il cittadino Umberto Fiorucci come collaboratore per affrontare le questioni legate alla materia venatoria, coinvolgendo l'Azienda agricola Roccarespa

Descrizione

Il Sindaco di Monte Romano, in base all'art. 20 comma 2 dello Statuto Comunale, ha deciso di individuare il cittadino Umberto Fiorucci come collaboratore per affrontare le questioni legate alla materia venatoria, coinvolgendo l'Azienda agricola Roccarespampani. Questa nomina comporta il supporto e l'approfondimento delle funzioni del Sindaco e degli Assessori, senza compiti di amministrazione attiva. Fiorucci dovrà rispettare la normativa sulla privacy e sui dati personali, oltre ai codici di comportamento dei dipendenti pubblici. Il provvedimento sarà notificato a Fiorucci, comunicato alla giunta e al consiglio comunale, e pubblicato per 15 giorni all'Albo Pretorio online del Comune.

Tipo documento Decreto del Sindaco , Documento Albo Pretorio ,
Numero e data n. Decreto N°8 del
Data di pubblicazione 28 Maggio 2024
Oggetto Il Sindaco di Monte Romano, in base all'art. 20 comma 2 dello Statuto Comunale, ha deciso di individuare il cittadino Umberto Fiorucci come collaboratore per affrontare le questioni legate alla materia venatoria, coinvolgendo l'Azienda agricola Roccarespa
Formati

PDF

Licenze licenza aperta

Ufficio responsabile

Consiglio Comunale

Il Consiglio Comunale è l'assemblea pubblica, rappresentativa di ogni Comune, ente locale previsto dall'art. 114 della Costituzione della Repubblica Italiana. È regolato dal decreto legislativo nº 267/2000, "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali". Le materie di competenza del Consiglio sono definite dalla legge. Tra le principali vi sonoː lo statuto dell'ente, il bilancio, il conto consuntivo, il piano urbanistico comunale, il piano delle opere pubbliche e le convenzioni tra gli enti locali. Il Consiglio Comunale è organizzato come di seguito:

  • Presidente del Consiglio Comunale, tradizionalmente individuato come seconda carica istituzionale del Comune dopo il Sindaco, ha autonomi poteri di direzione dei lavori e delle attività del Consiglio, nonché di convocazione del medesimo. È eletto alla prima seduta del Consiglio.
  • Commissioni consiliari, hanno funzioni consultive, o di controllo, di indagine o conoscitive.
  • Gruppi Consiliari, composti da consiglieri di uno stesso orientamento politico.
  • Conferenza dei capigruppo, costituita dai rappresentanti dei vari gruppi consiliari, è presieduta dal Presidente del Consiglio. Ha lo scopo di coordinare e programmare i lavori del Consiglio.
Le sedute possono essere ordinarie, cioè quelle nelle quali sono iscritte le proposte di deliberazioni relative all'approvazione delle linee programmatiche di governo, del bilancio di previsione annuale e pluriennale e del rendiconto di gestione. Le altre sono considerate straordinarie. Possono essere pubbliche, oppure segrete, cioè senza pubblico, quando gli argomenti trattati possono ledere la riservatezza delle persone. Il voto dei consiglieri comunali di regola è palese. È segreto nel caso in cui coinvolga persone. Il consiglio comunale rimane in carica per cinque anni a decorrere dalla data dell'elezione (art. 51, comma 1, Tuel); la decadenza si ha in due casi:
  1. variazione di almeno un quarto della popolazione (fusioni di comuni, incorporazione di altro comune, distacco di una frazione) perché il consiglio non può più considerarsi rappresentativo della comunità che lo ha eletto;
  2. dimissioni della metà più uno dei consiglieri (art. 141 comma 1 lett. b n.3 TUEL), dimissioni che devono essere contestuali altrimenti opera la surroga.
Lo scioglimento infine opera per le seguenti cause:
  • quando il consiglio compie atti contrari alla costituzione
  • quando il consiglio commette gravi e persistenti violazioni di legge;
  • nel caso di gravi motivi di ordine pubblico;
  • per dimissioni del sindaco o approvazione della mozione di sfiducia da parte del consiglio nei confronti del sindaco;
  • per decadenza del sindaco a seguito di incompatibilità sopravvenuta, dichiarata dal Consiglio Comunale a completamento del relativo iter (art. 69 TUEL), viene dichiarato lo scioglimento del Consiglio Comunale, ma resta in carica fino al primo turno elettorale utile, fino alle elezioni le funzioni del sindaco vengono svolte dal Vice Sindaco (art. 53 Tuel);
  • mancata approvazione del bilancio entro i termini.
 

Piazza del Plebiscito, 2

Skip to content